24
Mar

La sauna

Sauna,

è una parola finlandese che, probabilmente, poteva essere originariamente legata al significato di dimora invernale.Nelle prime Saune le pietre erano riscaldate con un fuoco a legna e il fumo veniva fatto uscire dopo essersi diffuso nella stanza.

Oggi la Sauna è una cabina fatta di legno dove all’interno si trova una stufa elettrica che porta la temperatura interna tra gli 80 e i 100 gradi centrigradi. L’ambiente è secco con un’umidità attorno al 20%.

Per aumentare l’umidità si usa un mestolo con un po’ d’acqua che si versa lentamente sopra le pietre calde. I tempi di permanenza variano da persona a persona, ma generalmente sono di 10/20 minuti per ogni seduta.

Si prosegue poi con una doccia fredda, da noi basta schiacciare un bottone per avere un getto nebulizzato con l’essenza di menta. Dopo la doccia si prosegue con un periodo di riposo in accappatoio (10/15 minuti) su  lettini basculanti, in modo da tenere testa e  piedi allo stesso livello, ottenendo così un’ottima circolazione sanguinea.

Ma cosa succede al nostro corpo quando viene sottoposto alle alte temperature della Sauna?

Il nostro organismo alle alte temperature si autotutela aumentando la sudorazione, in modo da disperdere il calore verso l’esterno. Il sistema circolatorio soprattutto quello periferico viene sollecitato e si innesca una vasodilatazione a cui segue una diminuzione della pressione arteriosa e un aumento del lavoro del cuore. Inoltre, l’aumento del flusso sanguigno accelera le reazioni ossido riduttive cellulari e aumenta il consumo di ossigeno; questo rende più forti le difese dell’organismo. L’aumento del metabolismo va dal 24% al 77%. Il calore provoca all’apparato muscolare uno stato di rilassamento, ottimo per le contratture.

Pertanto i benefici della Sauna sono: una ginnastica cardio-circolatoria e respiratoria, una stimolazione dei processi metabolici e un’azione preventiva e di rinforzo dell’intero organismo.

Le controindicazioni sono: cardiopatie scompensate, ipertensione grave, T.B.C., arteriosclerosi, processi infettivi acuti, malattie mentali, nefropatie gravi.

Leggi anche l’articolo dedicato al bagno turco