24
Mar

Il colore dei capelli

Colore capelli. La colorazione dei capelli ha radici profonde nella storia: quella che noi oggi chiamiamo colorazione, non è altro che una forma più evoluta di una prassi che ha radici nella notte dei tempi, in luoghi diversi legati tra loro da scopi comuni: distinguersi dalle altre tribù e il piacere di prendersi cura di sé per piacere agli altri. Nel neolitico veniva usata la terra d’ocra,gialla e rossa. Cleopatra usava l’henné e parrucche nere intrecciate con fili d’oro. Le donne romane avevano il proprio salone di bellezza in casa: c’erano persone addette solo alla colorazione,solo all’acconciatura etc. Ovidio testimonia che le donne romane portassero capelli di colori  diversi: l’azzurro era richiestissimo. Ma la miglior scuola la fecero le donne etrusche. Le diverse incursioni romane al nord, fecero desiderare il colore biondo, pertanto dalla Gallia e dalla Germania, il capitale umano riforniva abbondantemente Roma di capelli biondi, trattati con calce viva per schiarirli ancor di più e creare le primordiali parrucche ed extension. Per coprire i capelli bianchi venivano utilizzate a quel tempo formule con sali di rame, d’argento e piombo. Durante il Rinascimento, per ispirare il famoso Rosso Tiziano (biondo ramato), i capelli venivano lavati di frequente con lisciva e asciugati al sole, oggi noi diremmo “sbiaditi e scoloriti”. Beatrice Sforza, per schiarire i capelli usava una mistura di grano, bile di bue, radici di noci e zafferano. Un intero libro non basterebbe a raccontare cosa le donne e anche gli uomini, non siano stati disposti a fare per tingere i capelli, ma quel che interessa a noi è che questo rito ancestrale è rimasto invariato nei millenni e nei secoli, e che se oggi desideriamo avere i capelli tinti, beh.. lo desideravano anche le donne delle caverne! Allora soddisfiamo questo bisogno atavico, e smettiamo di sentirci in colpa per non saperci accettare come Madre Natura, più o meno generosamente, ci ha fatto!

Parliamo ora della colorazione dei capelli, cercando veramente di capire più in profondità il suo vero valore. Il colore dei capelli ha un forte legame con il ciclo della vita e per questo a volte risulta intimamente imbarazzante. Quando nasciamo, a intervalli di circa sette anni, fino ai ventuno, il nostro corpo subisce delle trasformazioni ormonali che spesso incidono con la struttura e la qualità dei capelli. Capita quindi di vedere in bambini di tre-cinque anni, dei bellissimi capelli biondo oro a forma di boccolo, o dei bellissimi capelli nero blu, dritti e forti, che muteranno colore e forma da lì a poco. Sappi che quello che di buono ci è appartenuto, lo vogliamo intimamente ricreare, e se non lo abbiamo mai avuto, lo desideriamo ardentemente. Ognuno di noi ha un vissuto, una storia di successo, o di insoddisfazione intimamente nascosta, compito del parruccchiere è capirla, interpretarla e trasformarla in un risultato estetico. Infatti, quando riusciamo a toccare le corde più profonde della  tua vera natura, leggiamo nei tuoi occhi un profondo senso di gratitudine, che ci appaga di tutte le difficoltà che questo mestiere comporta. Ma allo stesso tempo, per la stessa ragione, a volte le clienti ci possono chiedere cose che per noi del mestiere risultano palesemente assurde , ma per loro  rappresentano un intimo legame con la loro storia personale di cui noi non conosciamo nulla: i capelli di quando erano bambine, il colore dei capelli di un parente di una madre etc. Un’ altra fonte di imbarazzo, è rappresentata dai capelli bianchi, che segnano inequivocabilmente il passare del tempo, e a questa tappa, nessuno, né uomini, né donne ci arriviamo preparati, ma perché? E’ ovvio! Perché dentro abbiamo ancora  un’energia esplosiva, abbiamo ancora tutta una partita da giocare! Non accettiamo che proprio adesso che figli e famiglia ci danno un po’ di tregua, lo specchio ci metta in panchina.

Ora credo però, che valga la pena di spendere due parole sugli aspetti più tecnici della colorazione. Ti sei mai chiesta quanti tipi di colorazione esistono e che risultato danno? Sicuramente non è compito tuo sapere tutto sulla tintura e su tutte le alchimie che noi parrucchieri facciamo quotidianamente per rispondere a ogni esigenza di colore che voi clienti, di diverse età avete, ma se sei qui a leggere, allora vuol dire che qualche curiosità ce l’hai. Eccoti accontentata.

Partiamo con la tintura in crema con ammoniaca. Questa colorazione è la più diffusa e utilizzata, perché garantisce il risultato su tutti i tipi di capello e con qualsiasi tipo di nuance. Solitamente, nel momento della consulenza, ci avvaliamo di una cartella colori che presenta un’ampia scelta di nuance. Alla tintura in crema con ammoniaca, applichiamo una fonte di calore per ridurre i tempi di posa. A tal proposito, ho comprato di recente un macchinario che permette di fare in sicurezza, il colore in dieci minuti, bel risparmio di tempo!

Esiste anche la tinta senza ammoniaca. Questo prodotto è stato creato per rispondere alla crescente sensibilità verso l’ammoniaca e alle sempre più diffuse forme di allergia. Sono stati introdotti nel mercato prodotti privi di questa sostanza. Questa colorazione, infatti, è ideale per quei clienti che sono allergici o sensibili all’ammoniaca, per quelli a cui l’odore ammoniacale da fastidio e per quelle persone che credono che l’ammoniaca, presente nelle tinte per capelli, possa essere dannosa (falso mito). Poichè l’ammoniaca ha un ruolo molto importante. Fai molta attenzione quando scegli a chi rivolgerti per un servizio colore senza ammoniaca, perché alcune case produttrici poco oneste sostituiscono la componente ammoniacale con i derivati dell’ammoniaca, i quali sono molto dannosi per la salute e molti parrucchieri, che hanno comprato prodotti a basso costo, per risparmiare, o per abbassare i prezzi, questa cosa non la sanno. Noi, senza badare a spese, abbiamo cercato e trovato tinture per capelli, contenenti una sostanza non dannosa che riproduce le stesse funzioni dell’ammoniaca. Onestamente però, avvisiamo in anticipo le clienti che la colorazione senza ammoniaca è un pò meno performante in caso di capelli bianchi e presenta una scelta colori meno ricca e con nuances più naturali.

Parliamo ora della colorazione in gel. Si tratta di una colorazione particolare, che offre vantaggi in termini di lucentezza e luminosità. Noi non la utilizziamo perché è limitata nei casi più difficili di copertura dei capelli bianchi, e perché richiede lunghi tempi di posa, visto che con questo prodotto non può essere applicata la fonte di calore, altrimenti colerebbe tutto sul viso della cliente.

Un altro tipo di tinta per capelli, è la colorazione in olio. Come la colorazione in  gel presenta vantaggi in lucentezza e luminosità, al quale va aggiunto anche l’effetto cosmetico che l’olio dona ai capello. Purtroppo, presenta gli stessi svantaggi della colorazione in gel, ed è per questo motivo che al Bellessere abbiamo deciso di non usarla.

Tutto un altro discorso è il Riflessante, e qui vale la pena di spiegare bene la sostanziale differenza che c’è tra questo tipo di colorazione e la colorazione chimica, in modo da non pretendere da uno i benefici dell’altro, e viceversa. Il riflessante è una colorazione diretta che non prevede reazioni chimiche, i pigmenti semplicemente si depositano sui capelli. È una colorazione ideale per cambiare i riflessi dei capelli e provare ogni volta colori nuovi senza lasciare i capelli alterati chimicamente. Il pregio è di dare la massima lucentezza al capello e di non rovinarlo in alcun modo. Essendo di durata limitata nel tempo (da 5 a 8 lavaggi) non crea effetto ricrescita ed è facilmente interscambiabile. La scelta delle nuances solitamente è ridotta, ed essendo un colore che scarica pigmenti con i lavaggi è facile che lasci tracce su asciugamani e federe. E’ un servizio colorazione facile e veloce, che non ha alcun odore, che non presenta grossi problemi di allergie (se non in casi specifici), per questo lo proponiamo, a chi è in cinta, a chi non vuole l’effetto ricrescita e anche a chi non ha mai fatto colore.

Parliamo ora della colorazione semipermanente. La colorazione semipermanente è un ibrido tra la colorazione in crema e il riflessante. Di fatto è come una colorazione in crema con un’inferiore penetrazione del pigmento nel capello, per questo ha una concentrazione inferiore di ammoniaca e gli attivatori utilizzati hanno una percentuale bassa di acqua ossigenata (si usano i 5 e 10 volumi). Lascia poco alterato il capello perché i pigmenti lavorano prevalentemente all’esterno, ha una copertura maggiore rispetto  al riflessante, ma scarsa paragonata a ogni altro tipo di colorazione a ossidazione. Non ha potere schiarente, vuol dire che non possiamo con questo prodotto, farti un colore più chiaro di quello tuo di base. La durata è superiore a un mese, ma molto dipende da quanto frequentemente ti lavi i capelli. È ideale per quelle clienti che vogliono  una colorazione poco aggressiva, di durata intermedia, e che alteri pochissimo il capello.

Ultimo prodotto che vado a descriverti, è la colorazione in shampoo o in conditioner. Questo tipo di colorazione, è la più leggera rispetto a tutte quelle che ho precedentemente argomentato. Si tratta di una colorazione per capelli, diretta con i pigmenti pronti a depositarsi, presenti all’interno di uno shampoo o un conditioner. Questo tipo di colorazione non ha pretese di creare grandi trasformazioni o di durare nel tempo. Serve per esaltare un riflesso già presente nel capello, per mantenere nel tempo la bellezza di un capello colorato aggiungendo pigmento mano a mano che lo perde, e per correggere i riflessi indesiderati. Noi lo utilizziamo spesso, perché, soprattutto in estate quando il sole sbiadisce i capelli, o quando le meches perdono un po’ della loro luminosità, con poco sforzo e senza perdere tempo, riusciamo a ridonare intensità fino a quando non sarà tempo di rifare la ricrescita. Molto spesso lo consigliamo per casa, perché è davvero di facile utilizzo. Il prodotto più diffuso è lo shampoo per capelli bianchi: è uno shampoo con pigmenti viola che annullano il giallo e donano al capello bianco brillantezza e quel tono argenteo che è molto apprezzato perché risulta naturale.

Termina qui il mio escursus sul mondo della colorazione per capelli, spero di esserti stata utile, e se hai qualche dubbio, contattami, risponderò alle tue domande e ti darò i miei consigli.